A sostegno del progetto Mammaincorso
Clicca sull'immagine per scoprire il ricco menù
Un gesto gratuito che per noi vale tanto!
Un luogo di relazioni con, per e tra mamme
Accogliere la Vita
..un atto d'Amore
Ascolto, condivisione e sostegno
Un numero verde e una chat per parlare della tua gravidanza inaspettata
TU SEI DONO!

NEWS HOME

CONTATTI

 CENTRO di AIUTO alla VITA

Reggio Emilia 

Tel./Fax  0522.451197 - 346 9794520

dal lunedì al venerdì, dalle 9 alle 13.

e.mail: info@cavreggioemilia.it

Per emergenze contattare 335 8790797

 COME RAGGIUNGERCI

 

SAMARITANO

 

FASE DUE: LA FESTA DELLA VITA

Periodo: fine gennaio (la festa della vita è la domenica 4 febbraio).

Obiettivi:il messaggio dei vescovi per la Giornata per la  Vita 2018 dice “solo una comunità dal respiro evangelico è capace di trasformare la realtà …una comunità che sa farsi samaritana, chinandosi sulla storia umana lacerata, ferita, scoraggiata”. Proponiamo quindi ai bimbi di ascoltare la parabola del buon Samaritano e giochiamo con loro al buon Samaritano:  i loro gesti diventino testimonianza della gioia del Vangelo della Vita,  segno anche per la comunità parrocchiale.

Strumenti: per sottolineare l’adesione al progetto la scuola esporrà un cartellone all’ingresso della scuola o nella zona accoglienza ( testo: 4 febbraio 2018 Il Vangelo della Vita, gioia per il mondo) e consegnare ai genitori  il messaggio dei Vescovi per la Giornata per la Vita, chiedendo alle famiglie di partecipare alla messa comunitaria in parrocchia domenica 4 febbraio (accordarsi in anticipo con il parroco sui dettagli tecnici).

Attività:

Ascoltare la Parola

Gesù un giorno parlando a dei ragazzi raccontò loro una storia:

«Un uomo che abitava a Gerusalemme si mise in cammino verso Gerico, per andare a trovare un suo amico. Durante il viaggio dei briganti lo spogliarono, lo picchiarono e poi se ne andarono, lasciandolo mezzo morto.

Per caso, un sacerdote scendeva per quella strada e quando vide l'uomo mezzo morto, per la paura che potessero picchiare anche lui passò dall'altra parte della strada e scappò.

Anche un levita (un professore), passando per quella strada, vide l'uomo mezzo morto, ma fece finta di niente e scappò.

Invece un Samaritano (un uomo semplice), che era in viaggio, passandogli accanto lo vide ebbe pietà di lui. Si avvicinò all'uomo, gli fasciò le ferite, lo curò; poi, caricatolo sopra il suo cavallo, lo portò in un albergo e si prese cura di lui. Il giorno seguente, prese due denari e li diede al proprietario dell'albergo, dicendo: Abbi cura di lui e ciò che spenderai in più, te lo darò al mio ritorno».

 

Per chi lo volesse si potrebbe anche utilizzare come supporto audiovisivo un video scaricabile da youtube ( le immagini sono adatte a bimbi della scuola materna ma consigliamo di leggere il testo qui sopra invece che quello che compare nelle immagini) . Proposta video: https://youtu.be/6Xwk_UQnkv0 )

Testimoniare  la Parola

Insieme ai bimbi la maestra commenterà la lettura, spiegando che ognuno di noi può essere samaritano anche nella vita quotidiana. Bastano dei piccoli gesti di  GENEROSITA’/ ACCOGLIENZA/ PERDONO  per annunciare il Vangelo  della vita e contagiare di gioia il mondo. La maestra  proporrà quindi il gioco :

"CHI VUOLE ESSERE SAMARITANO!"

Ogni bambino sceglie un bracciale come segno d'impegno per la settimana che precede la Giornata per la Vita. Il bracciale (potrebbe essere anche un semplice filo di lana colorato) rimarrà al polso del bimbo fino al 4 febbraio e servirà a lui e alla sua famiglia per ricordare l’impegno preso come “buon Samaritano”.

CELESTE: Questa settimana donerò  ogni giorno un gesto  di  GENEROSITA’  (es. Aiutare un compagno di scuola a fare i compiti/ aiutare la mamma in casa ecc)

 

ARANCIONE: Questa settimana donerò  ogni giorno un gesto  di  ACCOGLIENZA ( Fare compagnia ad un nonno oppure un amico ammalato, ascoltare gli altri quando parlano, ecc).

 

VERDE: Questa settimana donerò  ogni giorno un gesto  di  PERDONO ( Fare amicizia con quell'amico che mi prende in giro, essere gentile con mio fratello che mi fa i dispetti, ecc).

 

Nei giorni immediatamente precedenti la giornata per la Vita la maestra potrà chiedere al bimbo un disegno che rappresenti uno dei gesti di GENEROSITA’ o ACCOGLIENZA o PERDONO che ha compiuto nei giorni precedenti.

 

 Il disegno potrebbe essere attaccato ad un lungo nastro del colore giusto. Verranno quindi creati tre lunghe file di disegni, una celeste, una arancio e una verde. I tre nastri, attaccati al cartellone che è stato appeso all’ingresso o nella zona di accoglienza della scuola verranno poi portati in una processione dai bimbi nella celebrazione eucaristica del 4 febbraio.

 

SCHEMA020

 

Su questo sito usiamo i cookies per migliorare la tua navigazione
Cliccando su un qualsiasi link su questa pagina darai il consenso all'utilizzo dei cookies.